COME AUMENTARE LA MEMORIA CON L’ALIMENTAZIONE - Dr.ssa Cultrera Concetta

COME AUMENTARE LA MEMORIA CON L’ALIMENTAZIONE

memoria-alimentazione

In più occasioni è stato dimostrato come l’alimentazione aiuti a prevenire numerose malattie.

Se analizziamo ad esempio le malattie nemiche del cervello, sappiamo che i disturbi cognitivi e le patologie neurodegenerative, come la demenza e il morbo di Alzheimer, possono colpire anche in età non avanzata. Le ricerche, tuttavia, dimostrano che il cibo può aiutare la memoria e la salute cerebrale, ci sono, infatti, degli alimenti che contengono sostanze utili al cervello. 

Di seguito una lista di alimenti consigliati per la salute del cervello:

Noci. Sono un ottimo cibo per la memoria. Oltre a una buona quantità di proteine, apportano acidi grassi Omega 3 e Omega 6, vitamina B6 e vitamina E. Inoltre, le noci aiutano a regolare il livello di serotonina del cervello, sostanza che controlla l’appetito e l’umore.

Curcuma. Questa spezia contiene la curcumina, sostanza antinfiammatoria con azione benefica sul sistema nervoso e nella prevenzione del morbo di Alzheimer.

Arachidi. Con proprietà non troppo dissimili dalle noci, le arachidi sono un’eccellente fonte di polifenoli e vitamina E.

Spinaci. Questa verdura apporta un mix di vitamine, tra le quali soprattutto la K e la B9, antiossidanti e sali minerali che proteggono il cervello dall’invecchiamento.

Semi di zucca. I semi di zucca, spesso trascurati, sono classificabili come cibo per la memoria perché ricchi di vitamine A ed E, Omega 3, Omega 6 e zinco.

Semi di girasole. Particolarmente ricchi di vitamina E, ma anche di Omega 3, Omega 6, vitamina B6 e minerali come il selenio, lo zinco e il magnesio, tutti agenti ad alto potenziale antiossidante.

Cavoli e broccoli. Contengono vitamina C e acido folico (vitamina B9), fondamentali per sostenere la memoria, la concentrazione e l’attenzione, riducendo il rischio di Alzheimer e altri tipi di demenza.

Mirtilli. Acerrimi nemici dei radicali liberi, contengono antiossidanti ancor più potenti delle vitamine E e C, che aiutano la memorie e il benessere cerebrale. I mirtilli, inoltre, hanno proprietà antinfiammatorie.

Tè verde. Oltre ad essere ricco di polifenoli utilissimi per combattere l’invecchiamento apporta teina, che come abbiamo visto può avere positivi effetti rivitalizzanti sul cervello e sulla memoria.

Caffè. Utile per il contenuto di caffeina, anche se la moderazione è d’obbligo per non incorrere negli effetti negativi della sostanza, tra i quali l’inibizione della colina. Se abbinato al cioccolato fondente, costituisce un ottimo mix di cibo per la memoria.

Pomodori. Forniscono il licopene, un prezioso antiossidante che ottimizza le funzioni cerebrali e protegge dai tumori. In questo caso le cotture hanno un’azione molto positiva, perché liberano il licopene, rendendolo facilmente assorbibile dall’apparato digerente.

Cioccolato fondente. Il cacao è una delle migliori fonti di flavonoidi, che favoriscono una buona funzionalità cerebrale, cognitiva e mnemonica.

Merluzzo. Parlando di cibo e memoria, è tra gli alimenti più indicati per assumere colina e Omega 3.

Uova. Sono un’eccellente fonte di colina, una delle sostanze più importanti per la memoria. Anche in questo caso meglio non prescindere dalla moderazione, per non ingerire quantità troppo elevate di grassi e colesterolo.

Cereali integrali: migliorano attenzione e concentrazione. I cereali integrali non raffinati, come pane, pasta, riso, orzo, farro, avena, miglio, con un basso indice glicemico che rilasciano lentamente il glucosio nel sangue, aiutano a mantenere la mente attiva e concentrata durante tutto il giorno.

Questi alimenti, se consumati con regolarità, dimostrano come il cibo possa aiutare la memoria a lungo termine, il sistema nervoso e la salute generale del cervello.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online