COME COMBATTERE L’AFA E IL CALDO A TAVOLA - Dr.ssa Cultrera Concetta

COME COMBATTERE L’AFA E IL CALDO A TAVOLA

 

caldotavolaIn estate serve una dieta composta da veri e propri cibi anti-afa perché il caldo non stimola l’appetito ed è facile avere la tentazione di saltare i pasti o mangiare poco. Invece, è possibile ricorrere ad alcuni alimenti che aiutano a sopportare il caldo estivo e a mangiare nel modo corretto. Per combattere il caldo e l’afa bisogna, infatti, consumare cibi leggeri e nutrienti ricordandoci che servono, in questi momenti, poche proteine e molta acqua.

E’ fondamentale bere e bere tanto, evitando le bevande gasate, zuccherose e troppo fredde; si consiglia almeno un litro e mezzo di acqua minerale al giorno anche se in estate è preferibile bere anche di più. Si può combattere la disidratazione anche con i succhi di frutta e con la verdura fresca, da consumare subito dopo la spremitura, per evitare l’ossidazione di alcune vitamine.

Consigli utili da seguire a tavola

Mangiare poco e spesso: sì agli spuntini, no ai pasti lunghi e abbondanti. Alle diverse portate è da preferire

Evitare gli alcolici: causano disidratazione, stimolano la sudorazione e limitano l’assorbimento delle vitamine che, in questa stagione, sono elementi preziosissimi per il nostro corpo.

Limitare il consumo di tè, caffè e cola: sono eccitanti e aumentano la vasocostrizione e la diuresi provocando la disidratazione.

Consumare molta frutta e verdura: Sì alla verdura, tanta e meglio se cruda: è fresca e ricca di acqua, sazia senza appesantire, ed è un concentrato di vitamine, minerali e antiossidanti. Ammessa tutta la frutta, preferibilmente lontano dai pasti principali e con un occhio di riguardo a quella più ricca di acqua come anguria, melone, agrumi (pompelmo rosa e limone). Bene anche le macedonie a base di pesche, albicocche e fragole, molto ricche di acqua, e le ciliegie.

Da preferire il pesce alla carne: più magro e digeribile, soprattutto se cucinato al forno o alla griglia. Il pesce azzurro, in particolare, contiene tanti omega 3. Se proprio non potete fare a meno della carne, preferite quella bianca di pollo o di tacchino, che è proteica ma più leggera della carne rossa. Rinunciate ai salumi, troppo salati e calorici. Allo stesso modo, evitate i condimenti troppo ricchi di sale, i fritti e le salse elaborate, preferite l’olio d’oliva ai grassi animali.

Rispettare la catena del freddo e le modalità di conservazione degli alimenti: non tenerli troppi giorni in attesa prima di essere consumati perché rischiano il deterioramento e possono provocare, se non conservati nel modo giusto, intossicazioni alimentari.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online