COSA SONO LE ALLERGIE ALIMENTARI CROCIATE - Dr.ssa Cultrera Concetta

COSA SONO LE ALLERGIE ALIMENTARI CROCIATE

allergie-crociate

Sono numerose le tipologie di allergie di cui si può soffrire: pollini, acari, erbe, pelo degli animali ecc. Spesso però, per queste persone allergiche, i rischi si nascondono anche negli alimenti stessi. Sono le cosiddette “allergie crociate”: ossia quelle reazioni allergiche scatenate, nello stesso individuo, da fattori apparentemente non correlati tra di loro, come alcuni pollini e alcuni cibi di origine vegetale.

La scoperta delle allergie crociate è uno degli ultimi traguardi dell’allergologia. Tali reazioni sono dovute, per esempio, alla presenza di una stessa proteina sia nel polline sia in un determinato alimento. Secondo alcuni studi, infatti, la maggior parte delle persone allergiche ai pollini soffre di reazioni crociate con gli alimenti. Questo per l’intrinseca somiglianza tra i due elementi considerati: ad esempio, chi è allergico all’ulivo è probabile che lo sia anche alle olive, e lo stesso vale per nocciolo e nocciola; oppure perché il cibo, pur non avendo apparentemente alcuna analogia con il principale allergene (ad esempio, graminacee e meloni), contiene le stesse porzioni di proteine a cui si è allergici.

Vediamo nel dettaglio quali sono le allergie crociate, e a quali alimenti bisogna prestare attenzione se si è predisposti alle più comuni allergie menzionate poc’anzi.

  1. Gramigna, agrumi e pomodori : Per tutti gli allergici ai pollini, attenzione al miele. Poi, per gli allergici alle graminacee(come la gramigna o erba canina e la dattile o erba mazzolina), occorre fare attenzione a sedano, orzo, avena, mais, riso, segale, frumento, agrumi, cocomero, pesca, prugna, melone, albicocca, ciliegia, pomodoro, bietole, mandorle e arachidi. Colpa delle profiline, proteine contenute in questi alimenti.
  2. Artemisia e cocomero : Per gli allergici all’artemisia, occhio acocomero, banana, melone, zucca, sedano e camomilla.
  3. Betullacee e frutta: Altra allergia molto diffusa è quella tra la betulla da una parte e, dall’altra, albicocca, arachidi, carote, ciliegie, banane, fragole, lamponi, mandorle, mele, melone, nespola, noce, nocciola, pesca, pistacchio, finocchio, patate e sedano. Le reazioni alla mela, in particolare, si hanno nel 70% dei casi di allergia alla betulla.
  4. Acari e crostacei: Altro caso frequente di allergiacrociata è quello tra gli acari della polvere e i crostacei, perché hanno un allergene comune: la tropomiosina.
  5. Parietaria e ciliegie : Per la parietaria, i principali rischi si concentrano nella ciliegia, nel melonee nelle more di gelso, oltre che nel basilico, nell’ortica e nei piselli.
  6. Lattice e kiwi: Molto frequente è anche l’allergia al lattice, che può associarsi a quella causata da determinati cibi, come banane, kiwi, avocado e castagne.
  7. Ambrosia e cocomero: A settembre, occhio all’ambrosiae agli “incroci” con cocomero, banana, melone, camomilla, sedano e zucca, validi anche per coloro che soffrono l’artemisia.

Ma attenzione: il problema non riguarda tutti, molto dipende dalla sensibilità all’allergene.

Quali sono i sintomi principali delle allergie crociate

Le allergie crociate possono scatenarsi in qualunque stagione. I disturbi compaiono subito dopo l’ingestione degli alimenti pericolosi e si manifestano soprattutto a livello cutaneo, con prurito e gonfiore sia alle labbra sia alla bocca, ma anche con disturbi all’apparato respiratorio, dovuti alla comparsa di gonfiore alla laringe: in questi casi, la persona allergica avverte un vero e proprio senso di soffocamento.

Secondo alcuni studi, l’unico modo di consumare questi cibi “proibiti” è quello di cuocerli al forno o al microonde, perché le alte temperature scompongono le proteine che causano le reazioni allergiche.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online