LA DIETA FLEXITARIANA - Dr.ssa Cultrera Concetta

LA DIETA FLEXITARIANA

FLEXITARIANA

La dieta flexitariana ( flexitarian” significa “flexible vegetarian” ovvero vegetariano flessibile) non è altro che una flessibile e semplice dieta semi vegetariana caratterizzata dall’assunzione attenta di proteine animali. Questa dieta prevede, infatti, un consumo occasionale di carne, pesce, latte e uova, a patto che tutto ciò che si mangia sia di alta qualità e a km zero. L’obiettivo della flexitariana è quello di alimentarsi in maniera più sana, più leggera e, soprattutto, con un occhio di riguardo per la sostenibilità e la filiera di produzione. A trarne vantaggio da questo tipo di alimentazione è certamente la salute.

Per chi segue questa tipologia di dieta non è il consumo di animali e derivati a essere condannato, ma il suo abuso. E questo non tanto per ragioni etiche, quanto salutistiche. E’ senz’altro meno restrittiva e quindi impone meno rinunce rispetto a una dieta vegetariana classica e offre un regime alimentare più completo perché non esclude del tutto le proteine animali e non comporta il rischio di carenza di vitamine (in particolare la D e la B12) .

A seconda delle nostre abitudini a livello di attività fisica, di alimentazione e del nostro metabolismo con la flexitariana è possibile perdere dai 5 ai 10 kg circa (in 5 settimane).

COME NASCE LA DIETA FLEXITARIANA?

È il regime alimentare che arriva dagli Usa, dove è in voga già da qualche anno, ma nell’ultimo periodo si sta diffondendo anche in Europa dopo spopola tra le celebrità. L’ideatrice della dieta è la nutrizionista statunitense Blatner, autrice del volume “The Flexitarian Diet ”,  in cui è spiegato passo dopo passo il metodo. La filosofia che c’è dietro al suo regime alimentare si basa sull’idea che l’alimentazione debba essere prima di tutto orientata alla salute. E in questo modo si può anche perdere peso. Per dimagrire con la dieta flexitariana bisogna calcolare un apporto calorico giornaliero di 1.500 kcal, suddivise nei consueti cinque pasti raccomandati ma può variare in base al peso, allo stile di vita e agli obiettivi che si vogliono raggiungere.

I cibi principali sono la verdura e la frutta di stagione, a discapito dei carboidrati. Meno pasta, pane e prodotti da forno, insomma, e più vegetali e cerali. Si a quelli integrali, ai legumi e ai semi, come nella dieta mediterranea. Non è indispensabile, come detto poc’anzi, eliminare totalmente la carne dalla tavola ma basta ridurla significativamente.

All’inizio il consumo di carne non deve superare i 700 g settimanali, con l’astensione di almeno due giorni ogni sette ( ricordiamo che si tratta di una dieta pensata per cambiare le abitudini alimentari americane, in cui il consumo di carne è normalmente molto più massiccio di quello previsto dalla nostra dieta mediterranea). Dopo qualche tempo, si può assumere carne fino a fino a 500 grammi a settimana; per arrivare infine ai 250 grammi. Non sono invece previsti limiti particolari per il pesce. Dopo le prime due settimane in cui si dovrebbe riuscire a perdere peso, la dieta si può trasformare in uno stile alimentare da seguire sempre, mantenendo le proporzioni: 40% di vegetali; 40% tra cereali integrali, legumi e semi; 20% dagli alimenti di origine animale.

I BENEFICI

In effetti i benefici sono evidenti, il consumo ridotto di carne e l’aumento di frutta e verdura fanno bene al nostro sistema cardio-circolatorio, consentono un miglior controllo di colesterolo, dei trigliceridi e della pressione sanguigna, migliorano la luminosità dei capelli e l’elasticità della pelle.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online