L’ACETO E LE SUE PROPRIETA’ - Dr.ssa Cultrera Concetta

L’ACETO E LE SUE PROPRIETA’

aceto

L’aceto di vino viene utilizzato in tavola come condimento, ma è indicato anche per alcuni trattamenti estetici. Si tratta inoltre di un prodotto che svolge un’azione benefica sul nostro organismo: è indicato nelle diete ipocaloriche, non contiene colesterolo e aiuterebbe a ridurre la glicemia.

Un articolo apparso sulla rivista scientifica Journal of Food Science fa un riassunto sulle ricerche finora effettuate su questo alimento e ne elenca i numerosi benefici per la salute.

Di seguito le più importanti proprietà:

Effetto antimicrobico : Il primo uso dell’aceto è stato quello di antimicrobico nella conservazione dei cibi. Tale processo sfrutta la presenza di acidi organici i quali, passando attraverso la membrana delle cellule batteriche, ne determinano la morte. La scienza, infatti, ha certificato questo effetto con molti articoli che riportano come l’aceto possa essere usato per inibire i batteri patogeni su frutta e verdura.

Effetto antidiabetico : Il diabete è definibile come un alto livello di glucosio nel sangue sia a digiuno che dopo l’assunzione di cibo, a causa della scarsa presenza di insulina o della resistenza ad essa da parte dell’organismo. E’ stato dimostrato che la sensibilità all’insulina aumenta fino al 20% in soggetti abituali consumatori di aceto. Inoltre molti esperimenti hanno confermato che questo prodotto della fermentazione abbassa i livelli di glucosio nel sangue, probabilmente grazie all’azione dell’acido acetico. Esso infatti previene la completa digestione dei carboidrati, accelera lo svuotamento gastrico e favorisce l’assorbimento del glucosio nei tessuti così da lasciarne meno nel flusso sanguigno.

Effetto antitumorale: Ci sono diversi studi che suggeriscono che l’aceto possa avere proprietà antitumorali. Le sostanze responsabili di questa attività non sono ancora state identificate. Si ritiene però che sia l’acido acetico uno dei principali composti ad agire contro i tumori. Ovviamente non può essere solo questo composto ad avere attività antitumorale. I vari tipi di aceto contengono una vasta gamma di polifenoli. Gli studi testimoniano che l’ingestione di polifenoli nell’uomo migliora la protezione antiossidante e riduce il rischio di tumori come il cancro al colon, intestino, seno e prostata.

Effetto antiossidante : E’ noto che le specie attive dell’ossigeno come il perossido o i radicali attaccano i lipidi, le proteine e perfino il DNA favorendo un precoce invecchiamento cellulare che può portare anche al cancro o a malattie neuro-degenerative. Recenti studi suggeriscono che i componenti bio-attivi presenti in molti cibi, compreso questo condimento, possono ridurre l’incidenza di questi effetti negativi grazie all’azione dei loro antiossidanti naturali.

Delle analisi effettuate sul tradizionale aceto balsamico indicano per esempio che la sua forte attività antiossidante è dovuta alla presenza di composti che prevengono l’assorbimento e l’ossidazione delle sostanze ferrose che si sviluppano per esempio durante la digestione della carne rossa.

Effetto antiobesità: Una ricerca americana ha messo in luce che il consumo di aceto con il cibo induce un maggiore senso di sazietà, portando quindi all’assunzione di meno calorie nell’arco del pasto. Questo effetto è stato confermato da uno studio successivo in cui ad alcuni volontari si davano delle fette di pane bianco inzuppate con acqua, ad altri lo stesso pane bianco ma inzuppato di aceto. I membri del secondo gruppo hanno riportato sistematicamente un maggiore senso di sazietà alla fine della prova. Lo studio si è poi protratto con l’aggiunta dell’aceto anche al normale cibo quotidiano, dividendo sempre i volontari in due gruppi. Si è visto, sorprendentemente, che il gruppo di volontari che usava questo condimento assumeva in media circa 275 calorie al giorno in meno rispetto al gruppo che non lo mangiava.

Effetti sul cervello: Gli sfingolipidi sono particolari tipi di lipidi che hanno un ruolo chiave nella costruzione dei tessuti cerebrali. Alcuni studi indicano che i batteri “buoni” favoriti dall’assunzione di acido acetico producono i precursori degli sfingolipidi, e questo porta a un significativo aumento delle proprietà cognitive nei soggetti studiati.

Prevenzione cardiovascolare :Le malattie di origine cardiovascolare sono la principale causa di mortalità nel mondo occidentale e sono legate ad alti livelli di colesterolo e pressione sanguigna, fumo e inattività fisica. Molti studi epidemiologici mostrano che i cibi ricchi di polifenoli assicurano un’efficace protezione contro queste malattie e ne riducono il rischio di mortalità. L’aceto di mele, per esempio, contiene molti polifenoli come l’acido clorogenico che può inibire l’ossidazione del colesterolo LDL e abbassare i livelli di trigliceridi nel sangue.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online