LE ERBE CHE ABBASSANO IL COLESTEROLO - Dr.ssa Cultrera Concetta

LE ERBE CHE ABBASSANO IL COLESTEROLO

erbe-abbassano-colesterolo

Il colesterolo alto è un problema che non va sottovalutato. Un eccessivo accumulo di grassi nel sangue, infatti, può provocare disturbi cardiocircolatori, come l’infarto. Quasi sempre è necessario assumere farmaci, ma può essere d’aiuto anche utilizzare alcune erbe per abbassare il colesterolo.

Nel dettaglio vediamo le erbe che sono considerate utili per contribuire ad abbassare il colesterolo in maniera naturale:
1. Basilico: Questa profumatissima pianta aromatica è ottima per abbassare il colesterolo. Il basilico può essere aggiunto a crudo alla pasta, alla pizza o alle insalate, può essere usato per preparare il pesto e un profumatissimo infuso. Per fare l’infuso basta bollire una tazza d’acqua, lasciare in infusione per 15 minuti un cucchiaio di basilico fresco, infine filtrare e bere.

  1. Tè verde: Il tè verde è un potente antiossidante, depura il fegato e abbassa il colesterolo. Si prepara come il classico tè nero, ma l’acqua non deve essere bollente e va lasciato in infusione solo per tre minuti, per evitare che diventi amaro.
  2. Tè rosso: è un concentrato di vitamina C e sali minerali. Stimola la digestione e aiuta a combattere il colesterolo. Va bevuto al naturale, senza zucchero né limone.
  3. Tè bianco: Il tè bianco è il più efficace per combattere il colesterolo.
  4. Amaranto: I semi e le foglie di amaranto sono molto efficaci contro il colesterolo. Si possono aggiungere i semi all’insalata e usare le foglie per un infuso.
  5. Dente di leone: Il dente di leone abbassa il colesterolo e depura il fegato. Si può preparare un infuso bollendo per 5 minuti un pugno di erba per ogni tazza d’acqua.
  6. Fieno greco: L’infuso di fieno greco riduce i livelli di trigliceridi nel sangue.
  7. Tamarindo: Il frutto dell’albero di tamarindo, oltre ad essere molto saporito, abbassa il colesterolo. Lo si può mangiare al naturale, oppure usarlo per preparare un infuso.
  8. Aglio: L’aglio è ottimo per ripulire le arterie. Andrebbe mangiato crudo, oppure bollito per preparare un decotto. Grazie al suo alto contenuto di composti di zolfoè un’erba usata da secoli nel trattamento di molte malattie. Mantiene in equilibrio i livelli di colesterolo, abbassando i livelli di colesterolo cattivo LDL , e al tempo stesso aumentando il colesterolo buono HDL.
  9. Le Foglie di Carciofo: L’estratto di foglie di carciofoagisce limitando la produzione di colesterolo cattivo LDL mediante un composto noto come cinarina.

Molto utili per ridurre il colesterolo sono anche :

  • Il Riso Rosso: Il riso rosso fermentato, ottenuto dalla fermentazione del comune riso da cucina ad opera del lievito rosso, ha la capacità di inibire la produzione di colesterolo da parte degli enzimi nel fegato ed arresta i principali responsabili della sua produzione.
  • I semi di lino :l’olio di semi di lino, oltre ad aiutare a mantenere lafunzionalità delle membrane cellulari, può contribuire al metabolismo dei lipidi (colesterolo e trigliceridi). Per questo motivo i semi di lino influiscono positivamente sui livelli di LDL.
  • I Fitosteroli: I fitosteroli, detti anche steroli vegetali, sono sostanze naturali caratterizzate da una struttura chimica simile a quella del colesterolo. Sono presenti nei vegetali mentre risultano totalmente assenti negli alimenti di origine animale. Tra gli alimenti più ricchi di fitosteroli figurano gli oli vegetali, alcuni germogli, i legumi, i cereali, la frutta fresca ecc. Diversi studi hanno messo in evidenza come un’assunzione adeguata di steroli vegetali possa aiutare a controllare i livelli di colesterolo.
  • Il Pungitopo: Questa erba è un potente anti-infiammatorio che rafforza le pareti dei vasi sanguigni per una migliore circolazione sanguigna al cervello e alle gambe. In questa maniera ha il potere di abbassare il colesterolo cattivo LDL.
  • Lo Zenzero: Lo zenzero contribuisce ad aumentare i livelli di colesterolo buono HDL e ridurre i livelli di colesterolo totale.
  • Omega 3: Gli Omega3sono dei grassi polinsaturi appartenenti alla categoria dei cosiddetti “grassi buoni”. Queste sostanze sono presenti in alcuni alimenti di origine vegetale (frutta secca, semi di lino, cereali e legumi), ma le fonti alimentari principali sono i pesci. In particolare sono ricchi di Omega3 merluzzi, sardine, pesce spada, tonno e salmone. Questi “grassi buoni” possono svolgere vari effetti benefici. In particolare due categorie di Omega3, DHA ed EPA, possono aiutarci a mantenere corretti livelli di trigliceridi nel sangue.
  • Semi di chia: Il consumo quotidiano di semi di chia può apportarediversi benefici, in particolare, grazie alla presenza di acido α-linolenico possono aiutare a mantenere normali livelli di colesterolo nel sangue.

Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online