Le proprietà curative e dimagranti dello zenzero - Dr.ssa Cultrera Concetta

Le proprietà curative e dimagranti dello zenzero

zenzero

Lo zenzero (Zinziber officinale) è una pianta erbacea di origine orientale, si utilizza il rizoma di zenzero, fresco oppure essiccato e ridotto in polvere. Fino a qualche tempo fa veniva utilizzato prevalentemente nella cucina asiatica, oggi, invece, la radice di zenzero si presta a numerosi utilizzi anche nella nostra cucina. Ha tantissime qualità terapeutiche al punto che può essere considerato un ’alimento top per il benessere dell’organismo.

Le proprietà curative dello zenzero:

  • possiede spiccate proprietà antinfiammatorie e digestive. La sua assunzione può facilitare il processo digestivo proteggendo la mucosa gastrica e riequilibrando la flora batterica contrastando colite, stitichezza e diarrea ed è validissimo per curare i dolori osteoarticolari.
  • è un antidolorifico naturale. Le sue caratteristiche permettono di utilizzarlo per alleviare i dolori mestruali.
  • viene consigliato per alleviare la nausea, soprattutto in caso di lunghi viaggi in nave, auto, autobus o aereo. Chi soffre di chinetosi, infatti, può trovare beneficio dal masticare un pezzetto di zenzero, delle caramelle allo zenzero o nel sorseggiare una tisana a base di questo ingrediente.
  • Stimola e rinforza il cuore e il sistema circolatorio ed è un antiossidante e un antitumorale naturale. La sua assunzione ha, infatti, una funzione protettiva contro i tumori del colon retto.
  • previene e cura gli stati influenzali, i raffreddori, allevia il mal di denti e il mal di testa.

Come se non bastasse, lo zenzero rappresenta un importante aiuto nella dieta grazie alle sue innate proprietà dimagranti: vediamo in che modo.

Il principale costituente dello zenzero è il gingerolo, ed è il principale responsabile delle proprietà dimagranti dello zenzero. Si tratta di un composto chimico che ha caratteristiche termogeniche in quanto, grazie alle sue proprietà piccanti responsabili tra l’altro del sapore particolare della radice, riesce ad innalzare la temperatura corporea e a donare un’accelerazione immediata al metabolismo. L’innalzamento della temperatura rappresenta un punto chiave per dare una “scossa” all’organismo, facilitando così il processo di dimagrimento e lo scioglimenti dei grassi addominali, specialmente se l’uso dello zenzero è abbinato ad una regolare attività fisica e ad un’alimentazione equilibrata.

Inoltre, lo zenzero aiuta a dimagrire in quanto è utile a smorzare il senso della fame e contribuisce a digerire i carboidrati e le proteine; infine, permettendo l’eliminazione dei gas intestinali, favorisce il raggiungimento dell’obiettivo pancia piatta.

Per beneficiare delle sue qualità depurative e dimagranti, lo zenzero può essere consumato ogni giorno in diversi modi: si può aggiungere un po’ di questa spezia ai centrifugati o estratti di frutta e verdura, grattugiarne un po’ sulle verdure o altre pietanze o ancora utilizzarlo come spezza fame semplicemente masticando pezzetti della sua radice tra un pasto e l’altro.
Lo zenzero non presenta grosse controindicazioni se assunto senza eccessi. Ciò nonostante, vi sono dei casi particolari in cui è meglio o limitarne l’uso, o evitarlo del tutto. I soggetti allergici alla radice dovranno, ovviamente, eliminare completamente tale alimento dalla propria dieta, così come chi presenta un’intolleranza alimentare verso esso. Le persone affette da calcoli biliari, in cura con farmaci antinfiammatori, anticoagulanti o pressori dovrebbero evitarne l’uso oppure rivolgersi al proprio medico per conoscerne la posologia più giusta per il proprio caso: questo perché lo zenzero lavora sul sistema circolatorio e fluidifica il sangue, per cui agirebbe sinergicamente con i medicinali in uso.

Anche in presenza di diabete lo zenzero andrebbe evitato per i suoi effetti ipoglicemizzanti, così come sconsigliato è l’uso in caso di blocchi intestinali preesistenti. Dibattuto è il suo utilizzo durante la gravidanza: difatti, sebbene lo zenzero abbia spiccate proprietà antiemetiche, utili quindi durante le fastidiosissime nausee nei primi tempi della gestazione, alcuni studi rivelerebbero la possibilità di causare eventuali danni sulla corretta formazione del feto. Anche in questo caso, è meglio affidarsi ai consigli del proprio ginecologo.

In ogni caso, è buona norma tener presente che non bisogna mai assumere quantità di zenzero in eccesso, onde evitare di avere spiacevoli effetti collaterali (soprattutto a carico del sistema gastrointestinale) e inficiare tutte le proprietà benefiche di questo prezioso alimento.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online