PANCREATITE E ALIMENTAZIONE COME COMPORTARSI A TAVOLA - Dr.ssa Cultrera Concetta

PANCREATITE E ALIMENTAZIONE COME COMPORTARSI A TAVOLA

pancreatite-alimentazione

Il pancreas è una ghiandola fondamentale dell’apparato digerente deputata alla sintesi di enzimi digestivi e ormoni fondamentali per la vita come l’insulina. Il pancreas ha la funzione indispensabile di secernere i succhi che permettono all’essere umano di digerire gli alimenti.

Le patologie pancreatiche principali sono il tumore e la pancreatite che può presentarsi in forma acuta e cronica. Esistono molteplici cause che possono provocare una lesione o una forte infiammazione del pancreas tra cui le più comuni sono la presenza di calcoli biliari, un abuso di alcol e l’azione proprio degli enzimi pancreatici che “attaccano” il pancreas stesso. Gli episodi possono essere sporadici ed apparire in modo improvviso e quasi violento, come nel caso della pancreatite acuta, oppure lo stato infiammatorio può aggravarsi gradualmente provocando danni persistenti e malfunzionamento costante come nella pancreatite cronica, a cui si accompagna spesso anche diabete.

Numerosi studi rivelano che un cattivo apporto nutrizionale dei cibi non sani incide fortemente sulla comparsa del cancro e della pancreatite. Perciò risulta necessario seguire una corretta alimentazione ed evitare il consumo di alcol, nicotina e caffeina.

A tutti coloro che soffrono già di problemi al pancreas o anche per chi ne risulta a rischio, è fortemente consigliato evitare tutti i cibi molto grassi come le fritture, i sughi particolarmente conditi, gli insaccati (ad eccezione del prosciutto cotto, crudo e della bresaola), e i dolci. Il pancreas deve avviare un duro processo per la digestione di questi alimenti e, quando si infiamma, non riesce a secernere gli enzimi digestivi necessari per uno svolgimento regolare della sua funzione.

Per ridurre il carico di lavoro del pancreas occorre assumere i seguenti alimenti:

  • Proteine, in particolare carni bianche quali pollo, tacchino, vitello e coniglio, pesce magro e non marinato. È consigliabile mangiare solo una volta a settimana carni rosse, pesce in scatola e affumicato.
  • Cereali e carboidrati tra cui pasta, riso, patate e pane tostato.
  • Legumi a patto di tenerli in acqua, in ammollo, almeno dalla sera precedente e passarli al passaverdure una volta cotti, per renderli più digeribili.
  • Frutta, specialmente mirtilli e uva rossa per la presenza di antiossidanti che aiutano a rimuovere i radicali liberi e ridurre i sintomi della pancreatite. Anche il le arance, le fragole ed il mango sono ricchi di antiossidanti che aiutano a disintossicare e rinforzare la ghiandola.
  • Tutti i latticini magri ma assunti con moderazione. Da evitare completamente invece i formaggi stagionati che affaticano il pancreas. Ottimo lo yogurt come fonte naturale di probiotici.
  • Verdura di stagione, in particolare, uno studio ha dimostrato che il consumo di broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolfiori e cavoli hanno il beneficio di proteggere il pancreas dallo sviluppo di eventuali tumori.

È consigliabile inoltre cuocere i cibi al vapore, o alla griglia, oppure al forno e bere giornalmente molta acqua aiutandosi anche con brodi, zuppe, centrifugati, per soddisfare il bisogno idrico al meglio, il soggetto affetto da pancreatite, infatti, va incontro spesso a disidratazione. Le bevande zuccherate sono da evitare ed è preferibile utilizzare il miele come dolcificante.

Una sana alimentazione adottata in maniera costante non assicura al cento per cento la scomparsa delle malattie al pancreas ma, indubbiamente, può garantire al paziente la grande sicurezza di poter vivere la propria vita quotidiana in maniera attiva e senza possibili sofferenze.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online