Perchè mangiare la frutta secca - Dr.ssa Cultrera Concetta

Perchè mangiare la frutta secca

frutta_secca

Consumare frutta secca è una sana abitudine perché contiene grassi monoinsaturi e polinsaturi, che fanno bene all’organismo, in primis al colesterolo. Anche la presenza di Vitamine, come la A, E, C, K, contribuisce a rendere noci, mandorle, pistacchi e simili, ottimi alleati per la salute, insieme al contenuto di fibra e ai minerali, quali zinco, magnesio, ferro, potassio, fosforo e calcio.

Negli ultimi anni pare sia aumentato notevolmente il consumo di frutta secca da parte della popolazione italiana. È possibile consumarla come spuntino di metà mattina o metà pomeriggio ed è in grado di agire come un vero e proprio “spezza fame”.

Sempre più ricerche scientifiche si sono concentrate a valutare gli effetti benefici della frutta secca sul nostro organismo da imputare in particolare ai nutrienti importanti contenuti nelle diverse varianti.

Vediamo nel dettaglio i benefici più noti per la nostra salute:

  • Mandorle: nascono nel Medio Oriente, ma oggi sono gli Stati Uniti i più grandi produttori. Le mandorle sono una fonte eccellente di proteine e grassi monoinsaturi. Offrono diversi vantaggi: aiutano a stabilizzare gli zuccheri nel sangue evitando picchi glicemici, ottime quindi per la prevenzione di malattie come il diabete e per tenere a bada il senso di fame. Ricche di antiossidanti, sono poi fonte preziosa di calcio, magnesio e fosforoe per questo contribuiscono alla buona salute delle ossa. Utili anche per tenere sotto controllo il colesterolo, è stato dimostrato infatti che chi mangia regolarmente mandorle ha livelli di colesterolo più bassi.
  • Noci: i grassipresenti all’interno delle noci sono quelli che apportano grandi benefici alla salute, ad esempio l’acido linoleico, fondamentale nella prevenzione dell’arteriosclerosi. Le noci sono una buona fonte di Omega 3, aiutano a proteggere contro le malattie cardiache e contro un’ampia gamma di malattie di tipo infiammatorio e non. Questa frutta secca, tra l’altro, contiene acido ellagico, antiossidante benefico per il sistema immunitario che sembra avere anche proprietà anti-cancerogene. Infine le noci sono preziose fonti di sali minerali come magnesio, calcio, potassio, ecc. e vitamine, soprattutto vitamina E.
  • Nocciole: Insieme alle mandorle, le nocciolesono tra i frutti più ricchi di vitamina E. Contengono inoltre fitosteroli, sostanze utili per la prevenzione delle malattie cardiache e circolatorie. Contengono grassi buoni, in grado di abbassare i livelli del colesterolo LDL. Sono ricchissime di vitamine del gruppo B, antiossidanti naturali sali minerali tra cui calcio, ferro, rame, manganese e, tra l’altro, sono facilmente digeribili. Il contenuto di fibre delle nocciole assicura la salute dell’apparato digerente, facilitando il transito intestinale e l’eliminazione delle tossine.
  • Anacardi:A differenza delle noci, gli anacardi hanno un contenuto di grassi notevolmente inferiore e si caratterizzano come una frutta secca più “magra” che detiene comunque numerose proprietà. Circa il 75% di un anacardo è composto da acido oleico, lo stesso grasso presente nell’olio di oliva.
    Essi contengono anche una buona quantità di magnesio, fondamentale in più di 300 processi biochimici fra cui le funzioni muscolari e nervose.
  • Arachidi:sono una buona fonte di proteine vegetali ma non mancano anche di fornire al nostro organismo sali minerali (in particolare magnesio, potassio, zinco, fosforo, manganese e rame), vitamine (soprattutto vitamina E), fibre e grassi buoni (nonostante siano ricche di grassi si evidenzia l’assenza di colesterolo). Si tratta poi di un alimento particolarmente ricco di antiossidanti (polifenoli), che riducono il rischio di ammalarsi di diverse patologie.
  • Pistacchi:originari dell’Asia Occidentale, sono oggi conosciuti in tutto il mondo. Possiedono numerose sostanze nutritive quali minerali (fosforo, magnesio, calcio, potassio, ferro) e vitamine (A, vitamine del gruppo B, C ed E). Sono particolarmente utili in caso di colesterolo alto dato che contribuiscono a ridurre i valori di colesterolo cattivo (LDL) aumentando contemporaneamente quelli di colesterolo buono (HDL). Aiutano a combattere la pelle secca, l’anemia, la perdita della vista e sono anche ottimi antibatterici e antitumorali.
    In Cina, vengono chiamati anche “semi della felicità”, in quanto, contenendo una buona quantità di grassi polinsaturi, migliorano la funzionalità delle cellule nervose e stimolano il buon umore.
  • Pinoli: I pinolisono ricchi di proteine e di fibre vegetali. Sono una buona fonte di zinco, vitamina B2 e potassio. Contengono anche calcio, ferro, magnesio e vitamina E . Contribuiscono al mantenimento della salute dell’organismo, sono dotati di proprietà antiossidanti e aiutano a proteggere il sistema cardiovascolare. Sono in grado di donare energia senza incrementare il senso di fame e migliorano la regolarità intestinale.

Oltre ad una scelta di gusto, dunque, si può fare anche un favore alla propria salute assumendo frutta secca in quantità moderate ogni giorno, meglio se variando. Anche condizioni particolari come la gravidanza possono beneficiare del consumo di frutta secca soprattutto di quelle varianti più ricche di acido folico come arachidi e nocciole ma anche noci e mandorle. Tra l’altro è stato dimostrato che mangiare arachidi e altra frutta secca quando si è in dolce attesa riduce il rischio di allergie nei bambini.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online