Allergia o Intolleranza al lattosio - Dr.ssa Cultrera Concetta

Allergia o Intolleranza al lattosio

Una delle intolleranze alimentari più diffuse è certamente quella al lattosio, causata dalla difficoltà di digerire lo zucchero presente nel latte. Il lattosio è uno zucchero di origine animale, costituisce il 98% degli zuccheri presenti nel latte. Normalmente, gli esseri umani sono in grado di trasformare il lattosio in due zuccheri semplici, galattosio e glucosio, grazie ad un enzima chiamato lattasi.

L’intolleranza al lattosio si presenta nel momento in cui il nostro organismo ha una carenza o una mancanza totale dell’enzima lattasi. La conseguenza è che invece di essere digerito, il lattosio rimane nell’intestino e viene fermentato, causando spiacevoli effetti.

Per la diagnosi dell’intolleranza è possibile effettuare l’H2-Breath Test oppure il Test Genetico.

L’H2-Breath Test è il test più affidabile, consiste nel valutare la presenza di idrogeno nell’espirato prima e dopo la somministrazione di 20-50g di lattosio, prelevando dei campioni di aria ottenuti facendo soffiare il paziente in una sacca a intervalli regolari e per un tempo prestabilito.

Il Test Genetico, invece, permette di definire la predisposizione all’intolleranza al lattosio studiando la composizione genetica, individuando quindi i soggetti che potrebbero manifestare questo deficit di lattasi.

Non tutte le intolleranze al lattosio sono uguali, infatti ne esistono di tre tipi: genetica, acquisita e congenita.

La forma genetica è dovuta ad una riduzione dell’enzima lattasi, quindi in minima parte , la capacità di tollerare latte e derivati rimane.

La forma acquisita nasce a causa di altre patologie, non dura per tutta la vita ma scompare una volta risolta la patologia principale.

La forma congenita è molto rara, si manifesta fin dalla nascita e la lattasi è totalmente assente.

La capacità di digerire il lattosio si trova tra la maggioranza dei popoli dell’Europa del nord e in alcuni popoli del mediterraneo, mentre sono intolleranti molti asiatici, africani e nativi americani. In media, quasi il 40% degli italiani è intollerante al lattosio!

I sintomi sono vari e cambiano da persona a persona, eccoti una lista di quelli più comuni:

diarrea, meteorismo, flatulenza, dolori addominali, gonfiore addominale, stitichezza, nausea, mal di testa, stanchezza, eruzioni cutanee.

Come dicevo prima, il latte è alla base di moltissime preparazioni:
questo vuol dire che il lattosio è presente anche nei derivati del latte, dal burro alla panna ai formaggi vari e molto altro.

Non esiste un formaggio o un prodotto qualsiasi realizzato con un latte animale totalmente privo di lattosio.

In più, il lattosio viene utilizzato anche come eccipiente nei farmaci e come addensante o conservante e può quindi essere presente in diversi prodotti alimentari.

Molti formaggi contengono quantità minime di lattosio, grazie a questi tre fattori: la presenza di fermenti, la stagionatura, l’aggiunta dell’enzima lattasi.

Nel primo caso, i fermenti contenuti nel prodotto trasformano una buona parte del lattosio in zuccheri da noi assimilabili. Un esempio è lo yogurt od il gorgonzola, sono ricchi di fermenti e quindi più digeribili .

Nel secondo caso, i formaggi più sono stagionati e più sono tollerabili dagli intolleranti, perché il lattosio si trasforma in acido lattico e non ci causa più problemi.

Nel terzo caso, parlo dei prodotti delattosati, ovvero alimenti normalmente contenenti molto lattosio (vedi la mozzarella, la ricotta…) che, grazie all’aggiunta della lattasi, perdono quasi tutto il lattosio e sono di norma adatti per chi è intollerante.

Quindi, se hai appena scoperto di essere intollerante o pensi di esserlo, non basta limitare i prodotti con molto lattosio e pensare di stare da subito bene: devi prima di tutto disintossicarti!

Vuol dire che devi andare da un nutrizionista esperto in intolleranze alimentari, ed iniziare una dieta su misura per un periodo iniziale dove dovrai eliminare ogni prodotto con lattosio, anche in minime quantità.

Il motivo è che avrai molto probabilmente il colon irritato, quindi anche mangiare un formaggio con pochissimo lattosio potrebbe farti star male.

Ti faranno male anche alcuni tipi di verdura, questo non vuol dire che contengano lattosio ma che sono irritanti se il tuo colon ha già problemi.

Generalmente io, subito dopo aver accertato l’intolleranza, ti seguo e ti consiglio cosa evitare agli inizi e cosa reintrodurre in seguito, se possibile!

vedi tutte le intolleranze

Prenota una visita


Hai bisogno di una dieta personalizzata per Allergia o Intolleranza al lattosio?


PRENOTA UNA VISITA

Catania, Via Napoli 128 Telefono: 095 7225100


Accetto condizioni e trattamento dei dati
Un ns incaricato ti chiamerà per confermare l'appuntamento

Condividi la pagina con i tuoi amici:





Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online