COSA NON MANGIARE IN CASO DI TRANSAMINASI ALTE – Dr.ssa Cultrera Concetta

COSA NON MANGIARE IN CASO DI TRANSAMINASI ALTE

L‘aumento dei valori di transaminasi nel sangue potrebbe evidenziare un’infiammazione o un danno alle cellule del fegato. Le cellule epatiche danneggiate, infatti, possono rilasciare nel sangue una quantità superiore al normale di transaminasi (enzimi), la cui funzione è quella di partecipare alla trasformazione delle proteine in energia.

Nella maggior parte dei casi, l’aumento delle transaminasi è temporaneo, purtroppo però vi sono casi in cui il valore troppo alto può significare un serio disturbo al fegato,che può anche essere cronico.

Il più delle volte, un aumento dei valori di transaminasi può essere asintomatico e rendersi evidente solo con l’esito delle analisi del sangue , in altri casi, invece, possono comparire sintomi piuttosto generici in un quadro generale che potrebbe indicare danni e problematiche di diversa entità: inappetenza,, una sensazione di stanchezza persistente, nausea, vomito e dolori addominali

In caso di problemi conclamati al fegato: la pelle o la sclera dell’occhio potrebbero assumere un colorito giallastro (ittero), l’urina potrebbe assumere un colorito scuro, le feci potrebbero assumere un colorito più chiaro. Anche il prurito continuo , infine, può accompagnarsi a valori alterati derivanti da problemi epatici.

Una corretta alimentazione può contribuire a migliorare le cose. Dovrebbe essere completa e bilanciata per evitare carenze nutrizionali o eccessi metabolici.

Tra gli Alimenti da evitare:

Bevande alcoliche : liquori, grappe, cocktail, vino e birra.

Zucchero bianco e zucchero di canna, miele e sciroppi vari: bisognerebbe sostituirle con un edulcorante a zero calorie.

Bevande zuccherate : come coca cola, aranciata, acqua tonica, tè freddi, ma anche i succhi di frutta in quanto contengono naturalmente zuccheri semplici.

Marmellata Frutta sciroppata, candita, mostarda di frutta dolci e dolciumi:  quali torte, pasticcini, biscotti, frollini, gelatine, budini, caramelle, etc.

Prodotti da forno: come cracker, grissini, taralli, crostini, biscotti, brioches, questi alimenti sono ricchi di grassi vegetali.

Cibi da fast-food  e condimenti grassi:  i cibi da fast food sonoricchi di grassi e molto dannosi e bisogna evitare anche i condimenti grassi quali ad esempio burro, lardo, strutto e panna, frattaglie animali come fegato, cervello, rognone, animelle e cuore, maionese, ketchup, senape, salsa barbecue e altre salse elaborate .

Insaccati ad elevato tenore in grassi saturi : come salame, salsiccia, cotechino, zampone, oltre alle parti grasse delle carni (con grasso visibile).

Tra gli alimenti consigliati ci sono invece :  Pesce, verdura cruda e cotta, la frutta, per l’elevato contenuto di sali minerali, vitamine e antiossidanti. Pane, pasta, riso, avena, orzo, farro e altri carboidrati complessi, privilegiando quelli integrali con un più basso indice glicemico. Latte e yogurt scremati o parzialmente scremati, carni magre e legumi.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

   

Test intolleranze online >   Prenota una visita >