PREVENIRE E CURARE L’ARTRITE CON L’ALIMENTAZIONE – Dr.ssa Cultrera Concetta

PREVENIRE E CURARE L’ARTRITE CON L’ALIMENTAZIONE

 

artitrealimL’artrite è un’infiammazione articolare caratterizzata da gonfiore, dolore, rigidità delle articolazioni e arrossamento.. Le forme di artrite più conosciute sono l’osteoartrite e l’artrite reumatoide. I sintomi possono manifestarsi con diversi gradi di intensità e rimanere latenti anche per anni per poi peggiorare nel tempo.

Sottoporsi a controlli preventivi, condurre uno stile di vita corretto e avere un’alimentazione sana sono rimedi fondamentali per prevenire l’artrite e preservare la salute delle articolazioni.

L’alimentazione può diminuire lo stato infiammatorio caratteristico dell’artrite reumatoide e ridurre la gravità delle crisi, infatti, alcuni studi scientifici hanno mostrato effetti positivi nella prevenzione e cura della patologia nei soggetti che seguono un regime alimentare mediterraneo e, quindi, una dieta più ricca in frutta, verdura, legumi, cereali integrali, pesce e olio d’oliva. Inoltre, nei soggetti sovrappeso/obesi una riduzione del peso è importante anche per ridurre la probabilità di sviluppare la patologia.

Di fondamentale importanza è anche l’attività fisica che aiuta a conservare la flessibilità delle articolazioni.

ALIMENTI CONSIGLIATI

Trattandosi di un processo infiammatorio, non devono assolutamente mancare nell’alimentazione dei soggetti affetti gli acidi grassi omega-3, contenuti soprattutto nel salmone, nelle alici, nello sgombro, nelle aringhe, nelle noci e nell’olio di semi di lino.

Molto indicati sono anche i cereali integrali (soprattutto avena, orzo, farro) e i legumi, ottime fonti di fibre che svolgono un’azione antinfiammatoria. Particolarmente consigliata è l’ananas per la presenza di bromelina, un enzima noto per la sua azione anti-infiammatoria.

Tra le verdure prediligere quelle della famiglia delle crucifere, quindi broccoli, cavoli, cavolfiori, verza, ricchi di sulfurafano. Come grasso da condimento scegliere l’olio extravergine d’oliva per beneficiare della potente azione antinfiammatoria dell’oleocantale e dei polifenoli. Inoltre, il tè verde rappresenta l’antinfiammatorio per eccellenza.

 

ALIMENTI SCONSIGLIATI

Recenti studi scientifici hanno affermato che gli alimenti ad alto contenuto di grassi saturi, in particolare formaggi stagionati, salumi grassi, burro e carne rossa, contribuiscono all’aumento di sostanze che possono considerarsi infiammatorie.

I cibi fritti e pronti sono da evitare, poiché ricci di sostanze tossiche come gli AGE, che favoriscono i processi di ossidazione nelle cellule e peggiorano l’infiammazione.

Bisogna anche limitare il consumo di sale per evitare un accumulo di liquidi, alimenti a più alto indice glicemico, come riso bianco e patate, e latticini, per il loro contenuto in caseina.

Anche gli zuccheri semplici e raffinati come dolci, caramelle, bevande industriali, merendine e il comune zucchero bianco andrebbero evitati, poiché favoriscono la produzione di molecole proteiche direttamente responsabili dell’infiammazione.

Tra le verdure bisogna evitare pomodori, peperoni e melanzane, poiché contengono sostanze alcaloidi tossiche note per la loro azione pro infiammatoria. No all’utilizzo dell’olio di semi di girasole, di arachidi o di mais, poiché più ricchi in acidi grassi omega-6.


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

   

Test intolleranze online >   Prenota una visita >