GLI ALIMENTI CHE PEGGIORANO L’INFIAMMAZIONE E QUELLI ANTINFIAMMATORI - Dr.ssa Cultrera Concetta

GLI ALIMENTI CHE PEGGIORANO L’INFIAMMAZIONE E QUELLI ANTINFIAMMATORI

alimantif

L’infiammazione è associata a una serie di condizioni di salute croniche, per questo motivo ridurla può aiutare a prevenire o, in certi casi, trattare molte patologie. Diversi studi indicano che l’alimentazione può contribuire a modulare l’infiammazione. La ricerca negli ultimi anni ha dimostrato che ci sono alimenti in grado di stimolare uno stato infiammatorio, e altri che possono contribuire a ridurlo.

L’infiammazione non è altro che una risposta difensiva dell’organismo ad attacchi esterni, una normale reazione del  sistema immunitario. Il problema sorge quando la situazione si protrae e si cronicizza nel tempo. Quando ciò accade si parla di infiammazione cronica, condizione che può stimolare l’invecchiamento cellulare e favorire lo sviluppo di patologie degenerative come le malattie cardiovascolari, l’artrite reumatoide, il diabete e l’Alzheimer.

Per questa ragione sarebbe preferibile seguire un’alimentazione ricca di cibi antinfiammatori e con meno cibi pro-infiammatori. L’indice si calcola in base all’impatto della proteina C reattiva, una proteina che funge da marker biologico per la rilevazione dell’infiammazione in una fase precoce.  Quello della proteina C reattiva (PCR) è, infatti, un esame del sangue prescritto quando c’è il sospetto di un infezione batterica, una meningite, cancro, ma anche una malattia infiammatoria intestinale, l’artrite reumatoide o il morbo di Chron.

Gli alimenti pro-infiammatori sono quelli che per le loro caratteristiche hanno la possibilità di peggiorare lo stato d’infiammazione. In genere si tratta di alimenti industriali molto elaborati che contengono tra gli ingredienti oltre a grassi saturi e colesterolo, anche additivi, coloranti, dolcificanti ed esaltatori di sapidità, tra questi:

  • Dolci e merendine industriali
  • Dadi da brodo
  • Zuppe pronte
  • Sughi pronti
  • Carni elaborate
  • Salumi (per il contenuto di grassi saturi e colesterolo)
  • Filetti di pollo e pesce impanati
  • Alcol

 

Per quanto riguarda invece gli alimenti antinfiammatori, questi sono di origine vegetale e ricchi di fibre e micronutrienti; gli alimenti che riducono lo stato infiammatorio, in genere sono quelli con molte fibre e alcuni micronutrienti contenuti in frutta e verdura. Nell’elenco troviamo:

  • Cereali in particolare quelli integrali
  • Olio extravergine d’oliva
  • Cipolle
  • Mele
  • Semi di lino e di zucca
  • Mandorle e noci
  • Frutti di bosco
  • Curcuma e zenzero
  • Ananas

 


Leggi tutti gli articoli
Autore
Sono Concetta (Tina) Cultrera, mi occupo di Nutrizione ed intolleranze. Presso il mio studio eseguo prestazioni di misurazioni antropometriche, valutazione del fabbisogno energetico, indagini alimentari per evidenziare eventuali abitudini alimentari scorrette, educazione e riabilitazione nutrizionale nelle obesità nelle magrezze, nelle patologie metaboliche.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:


Vuoi ricevere ogni settimana tutti gli aggiornamenti?

Iscriviti alla newsletter

Informativa sulla Privacy




Strumento conta calorie

Inserisci il nome o parte di esso dell'alimento di cui vuoi conoscere le calorie. Valore per 100gr



Mi trovi anche sui social network

     

Test
intolleranze
online